Reset & Restart





 ***

FERMATE IL MONDO VOGLIO SCENDERE

***

Hai presente quella sensazione che si prova quando pensi di avere tutto sotto controllo e ad un certo punto ti accorgi che non è più così? Ci sono cambiamenti graduali che passano inosservati, come l' aumento o la diminuzione del lavoro, le responsabilità da ottemperare, le mansioni da gestire, per non parlare del lato emotivo e lo stress. Piccoli e impercettibili cambiamenti che ti costringono in brevi tempi a modificare tutto il piano di azione che avevi programmato per l'intero anno. 
Qual'è la tua reazione davanti a tali cambiamenti? Riesci a gestire tutti gli imprevisti o l'ansia prende il sopravvento? Personalmente credo che ogni persona sa quali sono le risposte giuste ai propri problemi,  è che a volte per prendere decisioni importanti bisogna tirare fuori il coraggio, abbandonare la paura e buttarsi, dopo aver organizzato perfettamente come, verso il cambiamento.

***


Personalmente quando si conclude un periodo intenso, (lavorativo, familiare o personale che sia) devo chiudermi nella mia caverna e lasciare che tutte le emozioni, positive o negative che siano, invadano tutto il mio essere fino a dissolversi completamente. Preferisco somatizzarle e metto in atto il "Fermate il mondo, voglio scendere"... per quel che mi è concesso !!
Se si potesse scegliere senza problemi il mio concetto di somatizzazione si semplificherebbe in un'unica azione: un bel viaggio! Purtroppo la "dura realtà" (che dura non è affatto) mi porta a compiere azioni un pò diverse dal mio vero modo di affrontare le emozioni, diciamo un pò plasmato alle vicissitudini che vivo in questo momento!! Tendenzialmente mi chiudo in casa e per quel che posso cerco di fare ordine mentale, riorganizzo gli spazi in casa, nello studio, nel laboratorio, e riposo, cercando di ricaricare le energie.  

***

MI PRENDO UN BREAK DAL MONDO NON DALLA VITA

***

Vado in RESET: evito di uscire, di parlare, di postare. Preferisco mettere ordine in tutto e riorganizzare il lavoro. Mi concentro su quelle che sono, in quel momento, le mie priorità. Questo mi serve perchè devo fare decluttering in tutto e non devo assolutamente ricevere stimoli di nessun genere, soprattutto creativi !! Quello che era un passatempo, sta diventando giorno per giorno, qualcosa di concreto, quindi il fatto di gestire tutto e soprattutto nel modo giusto, per me è fondamentale. Sono una perfezionista e questo mi penalizza, ma ho chiari i miei obiettivi e se ciò comporta  fare qualche rinuncia, devo farlo. Le cose a metà non sono il mio forte. La professionalità è anche in questo: capire i propri limiti e colmarli. Quando i limiti, vengono abbattuti riparto col pieno e vado in....

RESTART: completato il programma delle cose da fare, mi rimbocco le maniche e mi metto sotto con la parte pratica! Progetto ogni minimo movimento, mi dò delle scadenze, soprattutto per essere coerente con me stessa per non lasciare le cose a metà, e lavoro con costanza!
Pian pianino aggiungo altri progetti fino a che non devo chiudere il prossimo cerchio.. e poi ricomincio. Ho imparato a fare così per gestire la parte di me iperattiva, che mi portava ad accumulare nozioni e cose senza senso e inetavilmente cadevo in confusione. Sapersi ORGANIZZARE prima di decidere di fare un qualcosa è importantissimo, come seguire il cambiamento e assecondarlo, lasciando la paura di non riuscire e prendendo per il mano il coraggio di voler cambiare e migliorare!